arrow-buttonarrow-downarrow-first-pagearrow-last-pagearrow-next-pagearrow-previous-pagearrow-topbackbook-readerbriefcasecalendarcartcheckchimicaclosedealersdownloademailenvironmentalfaxfilterfood-beverage-fruitfood-beverage-genericfood-beverage-oliveglobehelpinfo-circlelattieri-vegetalilavorazioni-animalilenslinklist-applicationslogo-negativelogo-negative__opacity-circleslogo-positivemarkeroil-gasoleo-chimicaphone-lightphoneplayrecyclingsharesocial-facebooksocial-instagramsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-youtubetagtargetuser

Frangitura

Le fasi più delicate del processo di produzione dell’olio d’oliva

Con i processi di Frangitura e Gramolatura si entra nelle fasi più delicate del processo di produzione dell’olio d’oliva. La qualità dell’olio, lo sviluppo dei flavors e la resa estrattiva dipendono dalla tipologia di frangitura e dalla successiva fase di gramolatura. Il frangitore deve assicurare una frantumazione delle olive per i seguenti motivi:

• liberare maggiori quantità di olio e di sostanze minori;
• rompere in maniera adeguata il nocciolino per ottenere la giusta pezzatura dei frammenti dell’endocarpo che garantiscono una gramolatura più efficace e un’estrazione centrifuga più efficiente;
• ridurre l’ossidazione della pasta (perossidi ridotti).

La qualità costruttiva e progettuale dei frangitori Pieralisi garantiscono la continuità della lavorazione riducendo il riscaldamento e adattandosi alle differenti tipologie di olive. Diversamente dagli altri frangitori, solitamente a griglia fissa, i frangitori Pieralisi sono inoltre dotati dell’esclusiva griglia controrotante. Questa, grazie anche ai suoi fori che sono svasati verso l’esterno, favorisce l’uscita riducendo il numero di perossidi nell’olio dovuto al continuo sfregamento della polpa con il metallo, diminuendone anche l’usura. La forma dei martelli e della griglia, garantiscono una pezzatura costante e una frantumazione del nocciolo dell’oliva a spigoli vivi, molto importante nella successiva fase di gramolatura. I frangitori Pieralisi possono essere mono griglia 2800 giri/min o doppia griglia 1400 giri/min per adattarsi alle differenti cultivar o alle differenti esigenze del produttore, riuscendo così ad influenzare le caratteristiche di amaro e piccante dell’olio prodotto. La griglia a doghe rappresenta una soluzione ottimale in quanto aumenta del 30% la capacità del frangitore e riduce il consumo di energia elettrica. Tutte le parti a contatto con l’oliva e la pasta sono in acciaio inossidabile e vengono alimentate da un elevatore a coclea che grazie alla sua forma tronco-conica permette alle olive di muoversi agevolmente senza che si verifichino accumuli. I frangitori a martelli Pieralisi a 65 anni dall’invenzione mantengono il primato nella produzione di olio di qualità e nella massima resa.

I vantaggi della frangitura Pieralisi

I vantaggi della frangitura Pieralisi

• Possibilità di variare i parametri sensoriali dell’olio accentuando alcune caratteristiche organolettiche ed aromatiche. I differenti frangitori sono infatti dotati di inverter che consentono di variare i giri del motore principale e conseguentemente della girante a martelli/coltelli.
• Massima resa con il minimo consumo di energia.
• Continuità della lavorazione garantita dalla qualità costruttiva e progettuale che riduce il riscaldamento e si adatta alle differenti tipologie di olive.
• Con la tecnologia Pieralisi, il frangitore, dotato di un sistema di controllo, lavora sempre al massimo della potenza senza avere mai problemi di intasamento e perdite di tempo conseguenti al blocco dello stesso.
• Minima rumorosità dovuta alla robustezza, alla precisione costruttiva e allo speciale rivestimento esterno con materiale di insonorizzazione.
• Tutte le parti a contatto con l’oliva e la pasta sono in acciaio inossidabile

Caratteristiche dei frangitori Pieralisi

Le caratteristiche comuni a tutti i frangitori Pieralisi sono la griglia controrotante che, generando una forza centrifuga, facilita l’uscita della polpa e la speciale forma dei fori, svasati verso l’esterno, che riducono l’attrito della pasta aumentando la durata della griglia. Diversamente, in tutti i frangitori non dotati di queste caratteristiche, l’uscita della pasta avviene solamente tramite la spinta dei martelli.
Questo aumenta il numero dei perossidi nell’olio dovuto al maggior attrito della pasta, usurando più velocemente le griglie. I martelli, dotati di placchette intercambiabili realizzate in metallo temprato, e l’ottimale profilo della griglia forata consentono la perfetta rottura delle sacche oleifere e la frantumazione calibrata del nocciolo.